Luna di Miele a Parigi

26-febbraio

Luna di miele a Parigi è un libro di Jojo Moyes pubblicato nel 2012 ed edito da Mondadori nel 2014.

Il libro di piccole dimensione, conta infatti nemmeno 90 pagine, narra delle vicende amorose di due coppie appena sposate e, come è facilmente deducibile dal titolo, in luna di miele a Parigi.

La prima coppia che incontriamo è quella di Sophie e Édouard Lefevre. Sophie è una ragazza di provincia che, prima del matrimonio, lavorava come commessa presso La Femme Marché. Lui un artista stimato ma senza il minimo interesse a riscuotere il giusto pagamento.

Le vicende della loro luna di miele sono ambientate durante la prima guerra mondiale.

La seconda coppia è composta, invece, da Liv Halston e suo marito David: lei una giovane donna laureata in cerca di occupazione, lui un architetto sulla buona strada per il successo, vivono lo stesso idillico periodo ma circa un secolo dopo.

La storia, per quanto prevedibile e spudoratamente romantica, colpisce nella sua estrema semplicità. La narrazione scorrevole e poco arzigogolata traccia una precisa caratterizzazione di tutti i personaggi mentre spesso, soprattutto nei romanzi rosa, questo viene lasciato al caso o alla libera interpretazione del lettore. In secondo luogo, in poco più di 80 pagine, vengono descritti tutti i gli stadi del sentimento contemplati da una normale relazione, dall’amore tenero a quello passionale, dalla naturale gelosia alla paranoia, fino ad arrivare allo sconforto, alla rabbia e poi il perdono.

Per quanto possa sembrare paradossale la luna di miele, come la descrive l’autrice, non sempre è sinonimo di un periodo d’oro, ma al tempo stesso prelude a ciò che sarà del futuro matrimoniale di ogni coppia.

Un libro leggero e dolce, per quanto prevedibile non noioso, adatto a chiunque cerchi una lettura non impegnata ma che lasci il sorriso, non eccessivamente romantica ma dall’incanto poetico, per chi vuole sognare senza staccare i piedi da terra.

A presto con il seguito La ragazza che hai lasciato,

Miriam

Il giro del mondo in 80 giorni

19-febbraio

 

Il giro del mondo in 80 giorni è una delle opere più famose dell’autore francese Jules Verne, pubblicato per la prima volta nel 1873, è considerato un classico d’avventura.

Come è facilmente intuibile dal titolo, il libro tratta del giro del mondo effettuato in 80 giorni dall’inglese, ricco, celibe e abitudinario, Phileaps Fogg e dal suo servitore Gambalesta. L’espediente, che da inizio all’avventura, è una scommessa tra il nostro protagonista ed altri membri del Reform Club di cui l’inglese è socio. Tra coincidenze, incontri, salvataggi improbabili e fughe improvvise, si srotola il filo della storia trasportando il lettore in luoghi esotici e stranieri al limite della fantasia.

Romanzo d’avventura e classico giovanile, è stato sviscerato in ogni sua parte e in ogni dove su internet, perciò trovo inutile dilungarmi in una dissertazione critica di cui non ho né le competenze né le capacità, ma penso sia più giusto parlare del mio personale approccio a questa lettura.

Il giro del mondo in 80 giorni si trova nella mia libreria da oltre 10 anni, un regalo d’infanzia completamente dimenticato. L’ho ritrovato qualche giorno fa e per curiosità, o più  probabilmente per la mia mania dei classici, ho cominciato a leggere.

Il tema principale del romanzo è sicuramente il viaggio. Quando si parla di un viaggio se ne intendono in realtà due: quello interiore e quello fisico. I protagonisti non ritornano alle loro vite nello stesso modo in cui erano partiti,  come spesso accade  nella vita, i viaggi: arricchiscono,trasformano, comprendono, forgiano, mostrano i veri valori.

Cosa mi porto dentro di questo libro? Sicuramente la voglia di viaggiare! La meticolosa descrizione di Verne mi ha fatto sognare paesaggi ad occhi aperti, dei quali adesso mi è rimasta la curiosità di vederli personalmente.

Ci sono libri che capitano proprio al momento giusto. Quando ho letto Il giro del mondo in 80 giorni stavo vivendo un periodo in cui tutto sembrava non funzionare o comunque non funzionare per il mio verso, per quello che ritenevo corretto, non so se Verne voleva lasciare anche questo messaggio, ma quello che ho colto è che non sempre quello che vogliamo ottenere è tanto importante come quello che abbiamo già ottenuto e questo libro, in un modo che scoprirete leggendolo, ne è la prova.

Consigliato a chi è attento, a chi viaggia e a chi piacerebbe, a chi ha un buon amico, a chi casca sempre in piedi, a tutti quelli insomma a cui piace leggere, sognare e credere che anche da un libro possano uscirne ottimi suggerimenti.

A presto, Miriam